Riconoscimento e l’IC di Codroipo (UD) errata corrige

Screen shot 2014-03-02 at 12.06.03 PM

l’IC (e non ICC)

Riconoscimento dà luogo ad una nuova ondata di protesta via email (e volendo questa volta via fax) per il bando dell’IC di Codroipo (UD).

Questi sono i dati per l’invio e di seguito il testo della lettera.

Fax: 0432 906436;
e-mail: UDIC849001@istruzione.it

Ricordate di aggiungere il vostro nome e cognome dopo “In fede, ” e di includere riconoscimentol2ls@gmail.com in Ccn.

Alla vostra cortese attenzione.
Vi inviamo queste poche righe in seguito alla decisione dal parte dell’IC di Codroipo (UD) di indire selezione pubblica di personale docente esterno da utilizzare nell’insegnamento dell’italiano a studenti di origine straniera.

Noi, come insegnanti di italiano L2/LS, siamo già da tempo organizzati con l’obiettivo di un riconoscimento della nostra professione, costruita a suon di lauree, master, certificazioni ed esperienza sul campo.


Non potevamo rimanere indifferenti dinnanzi alla pubblicazione e alla lettura dell’Avviso per il reclutamento di Docenti/Esperti esterni per l’attuazione UN CORSO ITALIANO L2 per stranieri del CTP-EDA (Centro Territoriale Permanente) a.s. 2013/2014 pubblicato sul sito http://www.iccodroipo.it/amministrazione-digitale/bandi-di-gara/

Il presentarsi di questa situazione ci ha profondamente indignati e per questo intendiamo portare avanti una protesta da formalizzare alla segreteria, alla Presidenza e ad alcuni membri della Giunta Comunale.

Facciamo riferimento in particolare all’ART. 4 – OFFERTA ECONOMICA

ART. 8 – VALUTAZIONE DELLE DOMANDE

g) L’offerta economica ( solo per gli esperti esterni); (max 10 PUNTI : ogni € 1,00 praticato al ribasso rispetto all’ importo massimo stabilito in € 35,00/h escluso gli oneri a carico dell’Amministrazione, varrà 2 punti).

Atto di gravità inaudita qui inteso come requisito che offre al candidato la possibilità di una sorta di asta di se stesso, ove ben dei punti gli vengono assegnati per ogni euro di ribasso sulla tariffa intesa congrua e approvata in moltissimi ctp e altrettanti corsi di lingua.
Ovviamente ciò non solo squalifica in partenza questa professionalità e formazione, ma contribuisce a portare avanti l’idea secondo cui si possano tappare le falle del sistema scolastico attraverso personale sottopagato, affinché Stato, Comuni e Province possano risparmiare.
Insegnare l’italiano a migranti non significa infatti “aiutare nei compiti”: significa sapere come insegnare una lingua, quali approcci e metodi utilizzare e in quale situazione, significa saper creare attività e materiali ad hoc, significa progettare percorsi che tengano conto di determinati fattori (stadio dell’interlingua, sequenze di apprendimento, interferenze con la L1, e altri elementi teorici che si devono conoscere e saper applicare). Significa saper coinvolgere gli insegnanti di classe in questo percorso. E questo sì può essere oggetto di valutazione, non una manciata di euro in meno.
Ci offende e profondamente c’indigna.

Con questa email vorremmo dunque chiedere un intervento a riguardo sulla vostra testata (o la pubblicazione di questa lettera, o altro?), che metta in risalto la nostra iniziativa in risposta all’azione del Comune di Codroipo.
In fede,
Riconoscimento della professionalità degli insegnanti di italiano L2/LS
https://riconoscimentoitalianol2ls.wordpress.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...