La CDC in ItaL2 vista da ildueblog

Questo articolo sulla neonata CDC apparso su ildueblog.it è molto importante, perché ci dà un quadro generale della situazione dell’ItaL2. Dopo l’approvazione della classe di concorso, sarà bene rimanere vigili, perché il vero lavoro comincia adesso.

Annunci

Brescia e Bologna: risposte ai nostri bombardamenti di e-mail

articolo ara 23 genn

L’utilizzo di insegnanti volontari in pensione nel comune di Brescia e in una scuola di Bologna ha scatenato, come ben sapete, iniziative di protesta scaturite in un invio massivo di email alle istituzioni promotrici delle suddette iniziative.

Ora, a distanza di qualche settimana, questa modalità di espressione del dissenso inizia a raccogliere i suoi frutti. A questo proposito ci teniamo a sottolineare che crediamo fermamente nell’eterogeneità dei metodi: scrivere alle istituzioni interessate, ai politici, essere presenti agli eventi, volantinare, contattare giornalisti e chi più ne ha più ne metta. Ogni via, come pure tutto quello che interessa l’insegnante di italiano per stranieri (L2, LS, settore pubblico e privato), tutto rientra nell’interesse di Riconoscimento.

Ma arriviamo al sodo. Dal comune di Brescia non abbiamo ricevuto alcuna risposta, mentre l’Istituto comprensivo n°19 di Bologna, nella persona della sua dirigente scolastica, ha scritto una risposta degna di nota. È molto interessante perché fa riflettere, alcuni temi sono affrontati in maniera condivisibile e nella missiva trovano conferma disfunzioni che noi conosciamo e denunciamo da tempo.

Continua a leggere

Brescie d’Italia… (rivisto il 20 gennaio)

Brescia mappa

Proponiamo due reazioni all’iniziativa dell’assessore comunale alla Pubblica Istruzione di Brescia Roberta Morelli di ricorrere a insegnanti pensionati ed ex professionisti per l’inserimento nelle scuole degli alunni stranieri. Quest’articolo è apparso su La Repubblica.

Gli articoli in realtà sono già circolati, ma parlarne sul blog ci permette anche di mettere un po’ in ordine le nostre idee.

La prima reazione è il commento accorato di Claudia Boscolo, postato sulla pagina di Riconoscimento.
Claudia, insegnante di Lettere, partecipa al blog Precariementi dove ha scritto anche sui facilitatori linguistici nella scuola pubblica. Vi raccomandiamo la lettura di questo articolo. (*)

La seconda è un articolo di Mariangela Vaglio, insegnante delle medie che cura il blog Non volevo fare la prof sull’Espresso e che ha scritto un articolo dal titolo: La buona volontà non basta: i volontari per insegnare agli stranieri sono una buona idea?.

Orizzonte Scuola, invece, ne parla qui.

AGGIUNTA DEL 2o GENNAIO 2014

Anche a Bolognasi ripete lo scandalo dell’insegnamento a studenti migranti affidati a insegnanti in pensione. Ne parla Il Resto del Carlino.

AGGIUNTA DEL 2 GENNAIO 2014

Articoli apparsi successivamente:

Rivista online Lavoro Culturale;

Rivista online Contropiano;

Il giornale di Brescia;

Diretta news, giornale online.

_ _ _
(*) le qualifiche a cui si fa riferimento nell’articolo sono rispettivamente il Master Ditals e Master Itals. Il termine certificazione vale qui come “titolo” senza riferimenti diretti a certificazioni come la Ditals, Cedils o Dils.

ALFABETI DIVERSI. La testimonianza di Elena

Con estremo piacere vi propongo la testimonianza di Elena, che ci parla della sua esperienza di lavoro in un CTP.
Il suo è un resoconto intenso, che leggerete senza staccare gli occhi dallo schermo. Più che una testimonianza lasciata su un blog, è una pagina di letteratura sincera, cruda, infine poetica. Buona lettura a voi.

ALFABETI DIVERSI

Aminata non capisce niente, ed è il mio tormento e la mia spina nel fianco. Oltre che la mia spina nel fianco è ormai anche la mia sfida personale.
Salamata invece alterna guizzi di intelligenza negli occhi miti e acquosi, operose e pazienti opere calligrafiche e brevi cadute ortografiche.
Rheena invece è già andata a scuola, però scrive solo con dei magnifici arabeschi hindi che tende a riportare anche nel nostro alfabeto e non sa una parola di italiano né di inglese.
Ho capito solo dopo qualche lezione e qualche malinteso che per dire sì ondeggia leggera la testa sul collo a destra e sinistra, sorriso bianchissimo e luccicante sguardo di carbone come nei film di Bollywood. Continua a leggere