Quali scenari per l’italiano per stranieri?

All’interno del N. XIV, 66, novembre 2016 del Bollettino ITALS che riporta gli atti della seconda edizione del convegno PostMaster ITALS, dal titolo “DIRE. FARE. INSEGNARE”  (Venezia, 29 – 31 agosto 2016), troviamo un interessante intervento di una nostra collega, Dorella Giardini. Il titolo dell’intervento è: UNA LINGUA SECONDA PER L’ITALIANO: QUALI SCENARI PER LA DISCIPLINA E LA PROFESSIONE.

L’analisi di Dorella Giardini è circoscritta agli insegnanti “invisibili” che lavorano come collaboratori esterni presso scuole pubbliche. Da un paragone con la legislazione specifica di altri Stati europei, si evidenzia come la creazione della CDC A23 ci ponga all’avanguardia in ambito di educazione pubblica.

Per la prima volta si parla non soltanto della nuova CDC, ma si ripercorrono le iniziative  che Riconoscimento ha portato avanti sin da agosto 2015 (con uno scambio aperto per la creazione dei requisiti a scaglione) fino ad arrivare al questionario a cui hanno risposto più di 900 colleghi e con il quale si è cercato di delineare le caratteristiche della nostra variegata categoria. Continua a leggere

Annunci

#CDCA23 – Appello al Laboratorio Itals

Un gruppo di diplomati dei Master di I e II livello dell’Università Ca’ Foscari di Venezia ha inviato una Lettera ai direttori e ai coordinatori del Laboratorio Itals per denunciare il rischio concreto che, se il D.M. dovesse essere approvato secondo la versione che circola in questi giorni, la formazione offerta dall’Università perderà il suo valore originario e la sua specificità. Continua a leggere

#CDCA23: lettera alla Ministra Giannini

Screen Shot 2015-08-25 at 11.13.32 AM

In collaborazione con un gruppo di diplomati Master Itals-Ca’Foscari, abbiamo scritto una lettera da indirizzare alla Ministra Giannini.

Con questo post vi esortiamo a leggere la lettera alla Ministra e di esplicitare la vostra adesione commentando “sottoscrivo”; il numero di colleghi firmatari sta crescendo continuamente, ma pensiamo di chiudere la campagna di adesione domani e, dunque, inviarla.

Questa iniziativa, sorta spontaneamente su Fb, ha portato anche alla realizzazione di una seconda lettera da spedire ai responsabili del Master (per saperne di più, chiedete esplicitamente info, grazie!).

 

Ci teniamo a ribadire che questa versione, per motivi di tempo, non è più modificabile, tranne eventuali sviste della cui segnalazione vi saremmo grate.

 

Buona firma!

Lettera alla Ministra Giannini_A23

#CDCA23: titoli di specializzazione, una riflessione

Sui percorsi formativi mi preme riassumere alcune questioni spinose già emerse:
1. Certificazioni: ne esistono di I livello e II livello e il passaggio dal I al II livello non è proprio scontato (guardiamo l’esempio della Ditals II);
1. a. il calcolo dei cfu va tentato (tramite un articolo per il blog);
2. a. il Master Ditals permette di acquisire non solo il titolo del Master, ma anche la Ditals I e II livello, quindi attenzione ai punti che gli si intende dare;
2. b. il Master Itals è sia di I che di II livello (l’ho scoperto ieri, attenzione a nominare bene i Master, ma tra I e II livello faremo differenze? no!);
2. c. c’è anche questo Master ELIIAS, Master E-learning per l’insegnamento dell’italiano a stranieri; se ne è parlato qui;
3. ok inseriamo anche il Cefils e poi ho sentito nominare il corso di facilitatore linguistico per la Provincia Autonoma di Trento (PAT) (link non pervenuto);
4. se non bastasse, ci sono questi corsi di perfezionamento di Ca’ Foscari, che non so quali altre università offrano, annuali, da 20 cfu, aperti a tutti (??). Ci sono sia per la didattica delle lingue straniere che per l’ItaL2.

Continua a leggere

Riconoscimento e il blog dell’università Carlo Bo (Urbino)

Screen shot 2014-02-09 at 12.13.18 PM

L’università Carlo Bo di Urbino è l’unica università ad avere un blog pubblico e aggiornato postMaster.
Il 31 gennaio il blog ha dedicato un post a Riconoscimento.

Un paio di osservazioni sul post:

– l’abilitazione per l’insegnamento dell’italiano L2 in realtà esiste, perché la SSIS del IX ciclo del 2009 di Ca’ Foscari ha abilitato circa una ventina di insegnanti, ma la SSIS ha avuto un finale tragico: all’ultimo momento il MIUR si è tirato indietro, non  riconoscendo il percorso abilitativo del quale, per ora, rimane solo un diploma da incorniciare;

–l’Albo invece esiste: l’Apidis è l’associazione che cura e gestisce l’Albo professionale dei docenti di Italiano come Seconda Lingua.

Ma perché Seconda Lingua?